Parole che trasformano

Parole

Come la costellazione delle parole di una convinzione può condurti in un viaggio dentro te stessa verso la trasformazione

Questo post non è il solito post sulle affermazioni e convinzioni. C’è un’ampia letteratura al riguardo che si può trovare sia online che in libreria. Se hai bisogno di suggerimenti chiedi pure o guarda il link ai libri Diamante.

Qui vorrei raccontarti di come si possono vivere e sentire le parole nel corpo per modificare quello che ti sta a cuore nella tua vita.

Da quando ho iniziato il mio percorso di crescita personale, prima ancora di diventare formatrice ero affascinata dalle “parole di potere“. C’erano giorni in cui alcune parole, il suono e la tonalità con cui le pronunciavo avevano davvero la forza di cambiare le cose. Mi chiedevo: perché accade solo in alcuni momenti? Inizialmente pensai che dovevo sviluppare delle capacità, pensavo che magari in qualche vita passata avevo avuto un dono che ora andava risvegliato.

Probabile, ma la realtà che qui l’unica che si doveva risvegliare ero io… Ciò che da forza e potere alle parole è un solo concetto:

Corretto pensare, corretto parlare, corretto agire Condividi il Tweet

Il corretto pensare nasce dal Silenzio, quello ti porta a scendere in profondità dentro di te, a non ascoltare le mille voci che fanno solo rumore. Si agisce nell’impegno della gestione dei nostri pensieri, allenandoci con disciplina a pensieri potenzianti ed eliminando quelli limitanti.

Da qui nasce il corretto parlare, quando le tue parole agiscono in profondità offrendo risorse inimmaginabili a chi ti ascolta. E la prima persona che ti ascolta chi è? Le parole che usi sono un tesoro prezioso per te. Sceglile con cura.

E il corretto parlare origina il corretto agire. Coerenza, allineamento si rivelano nel mondo e nella materia. L’azione è lo strumento per sostenere il pensiero e la parola. La freccia che colpisce il bersaglio.

Più semplicemente l’allineamento totale.

Grazie alle Costellazioni Archetipiche ho potuto rendere visibile questo processo.

Conoscevo già come cambiare una convinzione limitante e trasformarla in una potenziante in 30 secondi grazie al lavoro di scavo del Theta Healing, un lavoro potentissimo che porta sempre grandi soddisfazioni.

In alcuni casi però il cliente, seppur constatando un benessere dal lavoro, rimaneva come estraneo. Il che era anche ovvio, il lavoro lo facevo io e solo nei giorni successivi poteva sperimentare il cambiamento.

Con alcune persone, invece, è necessario portare il lavoro su un altro piano: renderlo più evidente e consapevole anche sul mentale, emotivo e soprattutto sul corpo. E così ho inserito nella Diamond Technique questo lavoro che unisce la potenza del lavoro in Theta  con l’efficacia nella materia delle Costellazioni Archetipiche.

Se lo vuoi sperimentare clicca qui c’è una serata di Be Inspired dedicata proprio a questo argomento.

Ti spiego come funziona: lo sai che si possono costellare le parole?

Durante la sessione si cerca la convinzione limitante che blocca in quel momento con una tecnica di scavo molto efficace. Si scrivono le singole parole su dei fogli e si inizia un vero e proprio viaggio. Ogni parola ti può condurre verso una parte di te da accogliere o trasformare. Ogni parola rivela un mondo e emozioni collegate. E quando avviene il cambiamento, ciò che appare sulla faccia dei miei clienti è lo stupore perché il cambiamento è tangibile, vivo nel proprio corpo. Ed è attraverso il corpo  e le azioni che facciamo che noi rendiamo concreti i cambiamenti.

E tu quanto ti ascolti?

Scrivilo qui sotto nei commenti.

 

Simona Savino

Trainer, life&business counselor.

1 commento
  1. Cristian says:

    Confermo,
    costellare le parole è un bellissimo lavoro sia nel privato che nel contesto aziendale.
    Simona è particolarmente brava ed attenta a ciò che sta vivendo chi ha davanti e ti sa accompagnare con dolcezza e determinazione allo stesso tempo, facendoti sentire al sicuro e guidato anche se è la prima volta che ti trova davanti a questo strumento di conoscenza di te.

    Complimenti.
    Cristian

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *