Le Costellazioni Familiari e la Guerra

pace

In questi giorni si parla spesso di guerra e molte persone mi hanno scritto che sentono aumentare le loro paure. Lasciando da parte il discorso sulla manipolazione mediatica, la guerra è un argomento che tocca ognuno di noi, nel profondo più di quanto si possa immaginare. Per questo vale la pena soffermarcisi un momento e lavorarci su.

In fondo se ci pensiamo bene, il passato e la storia della nostra famiglia (popolo e umanità) è impregnato di guerre e conflitti. Le due grandi guerre, ad esempio, sono ancora presenti nel nostro DNA e nel campo sistemico familiare di ognuno di noi. E come sappiamo, il macro è solo il riflesso di ciò che accadene nel micro dentro di noi.

Le Costellazioni Sistemiche e Familiari sono un ottimo strumento, non solo per sciogliere le conseguenze che certi comportamenti e scelte hanno sulla nostra vita e su quelle delle generazioni future, ma anche per comprendere pienamente come funzioniamo.

Vi segnalo un post di una costellatrice americana Krista Jarrad, dove racconta una costellazione con dei clienti giapponesi. clicca qui per leggere il post completo

Ciò che mi ha colplito è come molte dinamiche si ripetono: ho visto Costellazioni Sistemiche e Familiari che riportavano alla Seconda Guerra Mondiale, alla guerra in Romania, guerre civili etc. Tutte più o meno riportano delle tematiche in comune.

La più eclatante è la dinamica “vittima/carnefice”: si cercano sempre, azione dopo azione. E solo quando si esce dalla visione della colpa, riescono finalmente a trovare la PACE. E con loro il cliente che ha chiesto la Costellazione.

Chiediti ora, quante volte nei piccoli grandi conflitti che vivi ogni giorno metti in atto la dinamica “vittima/carnefice”?

Quante volte il conflitto esplicita o nasconde un sentimento di esclusione (dalla famiglia, dalla coppia, dal lavoro)?

Vedere lo svoglimento di una Costellazione Familiare, Sistemica, Strutturale o Archetipica è istruttivo perchè ci permette di veder rappresentati quei comportamenti, le cause, ma soprattutto gli effetti di alcune scelte quotidiane. E’ come avere la legge di causa/effetto rappresentata davanti ai nostri occhi. E questo spesso vale più di mille parole o discorsi teorici.

Si parte sempre da noi, anche quando gli eventi sembrano più grandi di noi.

Hai fatto esperienze simili? se hai voglia di condividerle raccontale nei commenti

Simona Savino

Trainer, life&business counselor.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *