IL VALORE DELLA STORIA

Istruzioni d’uso per la vita di tutti i giorni

Tutti abbiamo studiato storia a scuola. Senza sapere bene il perché.

Non sapere che cosa sia accaduto nei tempi passati, sarebbe come restare per sempre un bambino. Se non si fa uso delle opere delle età passata, il mondo rimarrà sempre nell’infanzia della conoscenza.
(Cicerone)

Se ci pensiamo la geografia ti dà l’idea di come si presenta il mondo e di capire che Malindi, Malibù, Male e Mahè sono puntini sparsi per il pianeta e non solo una filastrocca per giocare a mondo. Nella storia dell’arte scopri che sono esistiti prima e dopo Leonardo da Vinci migliaia di geni pittorici e che in Italia c’è una concentrazione tale di capolavori che per osmosi ti senti un po’ genio anche tu. La matematica è quella materia indispensabile per fare i conti – che tanto non tornano mai.

Così più o meno funziona per tutte le discipline.

La storia che valore ha adesso?

Che senso ha studiare il passato ora che viviamo alla velocità dei post, che siamo avidi di news anche se inventate, adesso che nemmeno più si leggono i messaggi, ma valgono solo i vocali e le stories di Instagram?

Fermiamoci davanti a queste ultime considerazioni e riflettiamo: in molti casi non solo gli adolescenti, ma anche gli adulti stanno delegando la loro conoscenza della realtà a telefonini e computer restandone totalmente dominati.

La storia dei nostri tempi è questa e guardando il bicchiere mezzo pieno ci sta dando un grande segnale: il tutto subito, tutto ora, è un fuoco potente, ma effimero che crea un senso di frustrazione pesante una volta esaurito lo spazio di un like.

La bella notizia è che la storia ci può aiutare!

Il metodo di ricerca

Il primo regalo che ci fa la storia è il metodo di ricerca. Per comprendere un avvenimento o una situazione dobbiamo verificare la fonte, incrociare i dati reali con i documenti esistenti e rimettere insieme i segmenti di realtà. Lo stesso approccio ci aiuta nella vita di tutti i giorni a selezionare le notizie, le informazioni che ci servono e che sono reali rispetto alle cosiddette fake news. Conoscere la situazione per scegliere il meglio.

Non male come strumento di approccio alla realtà, vero?

Ma quanto possiamo fidarci del nostro modo di comprendere le informazioni?

É necessario integrare il metodo storico nella nostra vita quotidiana, non cercando risposte sbrigative ma analizzando con lucidità le situazioni. Con calma, nei giusti tempi. Così possiamo lavorare su noi stessi modificando ciò che ci destabilizza per raggiungere un nuovo equilibrio, una centratura necessaria per essere presenti e sicuri davanti alle scelte della nostra vita.

Il Valore della nostra storia personale

Vivere è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti

(Albert Einstein)

Proprio così, per non affidare al caso o alle opinioni altrui le nostre scelte bisogna lavorare sul nostro modo di percepire questo mondo che cambia così velocemente. Io ho iniziato circa quindici anni fa seguendo corsi di riequilibrio energetico che rispondevano ad una serie di domande che in me rimanevano sospese.

É una ricerca che una volta iniziata non finisce mai perché ci spinge a cambiare in sintonia con l’evoluzione del mondo che ci circonda.

Scegliere un corso che ci riporti in equilibrio, con un gruppo o attraverso sessioni private, tentare una strada che ci mostri un nuovo modo di pensare per riuscire a guardare le situazioni da un altro punto di vista, è una scelta che ci aiuta.

Mettersi in gioco per migliorare sempre la relazione fuori e dentro di noi, verso il mondo che ci circonda e verso noi stessi.

Così anche la nostra storia personale assumerà il valore che merita.