7 modi per smettere di dare troppo

Durante un Diamond Happy Hour, come “tema del cuore” abbiamo estratto:

“come gestire il rapporto con le persone che amiamo,
senza vivere quella sensazione di stanchezza e svuotamento
tipica di quando abbiamo dato troppo?”.

Diamond Happy hour 06.05.15-6695

Se vuoi saperne di più sugli aperitivi clicca sulla foto

Seguendo la modalità dei Cafè Philo parigini, ci siamo confrontati davanti ad un ottimo aperitivo preparato per noi da La Cascina in Città.

Qualcuno lo ha definito vampirismo energetico.  É importante mettersi d’accordo sui termini: personalmente intendo ogni movimento che toglie energia a qualcuno. Non importa l’intento, che sia consapevole o meno. Quando sentiamo che una situazione, una persona, un lavoro ci toglie energia è in atto un movimento di “vampirismo”.

Non amo, però, usare questo termine perché sottolinea una dimensione di vittima che non condivido, soprattutto quando si riferisce a persone che amiamo, come i nostri familiari o amici.

La persona che chiede troppo è in una situazione di bisogno e difficoltà. Sia che passi le giornate a lamentarsi, sia che pianga e “vomiti addosso” ogni sventura, sta vivendo un momento di dolore e va rispettato.

Come fare allora? Ho riassunto per te quanto emerso dalla serata.

7 modi per smettere di dare troppo

1. Smetti di vederti come la vittima prescelta dai “vampiri” energetici.

Loro chiedono, a volte sono davvero pressanti, ma se dare soprattutto quanto dare dipende da te.

Riprendi il controllo della tua vita, assumersi  la responsabilità della propria perdita di energia è il primo passo per cambiare le cose. E magia scoprirai il tuo valore! Perché smettere di dare troppo è la conseguenza di amare se stessi. Rispettare i propri confini e valore personale.

2. Osservati. Cosa ti fa sentire svuotato e senza energia?

Rabbia, sensi di colpa, controllo, sono tutte dinamiche interne che provocano senso di stanchezza, oppressione e dolore  quando diamo troppo. E non importa se si tratta di parenti, amici o il lavoro. Lavorare su questo punto permette di interagire con le persone che amiamo con semplicità e passare al prossimo punto.

3. Ascolta con il cuore e stai al tuo giusto posto.

Significa esserci, ma alla giusta distanza o meglio al proprio giusto posto. A volte quello che ci fa disperdere energia è cercare di aiutare a tutti i costi qualcuno che non vuole essere aiutato, ma essere solo ascoltato oppure sentirsi dire “ce la puoi fare”.

“per amare occorre vedere la persona nella sua reale condizione, altrimenti ciò che le viene offerto potrebbe renderla infelice” Thich Nhat Hanh

Se sono i colleghi in ambito lavorativo che ti tolgono energia chiediti se stai nel tuo ruolo,  se stai facendo il lavoro di qualcun altro per eccesso di senso di responsabilità o se hai perso la motivazione.

4. Impara a dire di Si e a dire di No.

Si per aprirci agli altri, Si per uscire dalla propria zona di comfort. No per rispettarci, ascoltarci sia nelle esigenze, ma anche nei tempi: un No oggi può essere un Si felice domani.

5. Condividi le tue esperienze e conoscenze, ma rispetta gli altri e te stessa.

Hai un bagaglio di esperienze che può essere messo a disposizione, ma ricorda che il tuo interlocutore ha il diritto di fare le proprie esperienze, anche se dolorose.

Esiste una linea sottile tra il dialogo e l’invadenza.

Anche se ami profondamente la persona di fronte a te, ad un certo punto devi mollare la presa e accettare che la tua amica continui a vivere quella relazione distruttiva, o tua madre continui a lamentarsi della sua vita senza fare nulla per cambiare.

Farlo significa rispettarti, significa cogliere quando smettere di dare troppo, con il cuore. Senza rabbia o dolore.

6. Impara a comunicare.

Presta attenzione a come dici le cose e soprattutto alla persona con cui stai parlando. A volte è più semplice far passare un concetto aprendoci alla visione del mondo dell’altro. Utilizza l’empatia per entrare in connessione con l’altro, l’intelligenza emotiva per capire quando-se-come dare e la comunicazione assertiva per delimitare i confini.

7. Sii paziente. 

Ognuno  ha i suoi tempi e modi per evolvere. Sii paziente con gli altri. Ciò che per te è facile e scontato, potrebbe essere una grande sfida per qualcun altro e viceversa.

Tutto questo si riassume in una sola parola: AMORE PER SE STESSI.

Il segreto per smettere di dare troppo è amarSI. Dire un grande Si a se stessi. Condividi il Tweet

Amarsi e imparare a darsi valore è la via più facile e veloce per avere relazioni felici.

Si, lo so che sulla parola facile hai storto il naso perché ci combatti da tutta la vita, ma quando capisci come diventa davvero semplice credimi.

Siamo nati per amarci, esprimere amore verso noi stessi e verso il mondo è un atto naturale insito in ognuno di noi. L’abbiamo solo dimenticato. E ci servono i giusti strumenti per ricordare e allenarci al valore.

Se vorrai cominciare o continuare il tuo percorso verso l’amore più autentico e duraturo ossia quello verso di te, ecco cosa puoi fare:

Simona Savino

Insieme scopriamo e valorizziamo il diamante che vive dentro di te. Ho ideato la Filosofia del Diamante con questo intento: fornirti uno spazio colmo di strumenti e opportunità per chi vuole vivere pienamente il proprio valore personale e condividerlo per co-creare "un mondo diamante".

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *